Saluzzo Arte 2013



SALUZZO ARTE 2013

18° Rassegna di Arte Contemporanea Pittura, Scultura, Grafica, Incisione, Fotografia, Design


19 aprile – 5 maggio 2013


Saluzzo, Antiche Scuderie – Fondazione Amleto Bertoni

Piazza Montebello, 1 – 12037 Saluzzo (CN)

 

fondazionebertoni.it

 


 

saluzzoarte2013banner-sito-FAB_arte-2013 

 

La 18° Edizione di Saluzzo Arte, intende rinnovare il notevole successo sin qui ottenuto, proponendo una rassegna di artisti affermati, oltre ad alcuni emergenti, il cui coordinamento artistico viene affidato nuovamente a Roberto Giordana e Paolo Infossi. La Fondazione Amleto Bertoni, presenta la 18° Edizione, realizzata con il Patrocinio della Regione Piemonte, Provincia di Cuneo, Comune di Saluzzo, Camera di Commercio, nonché del sostegno economico della Cassa di Risparmio di Saluzzo, del contributo della Fondazione della Cassa di Risparmio di Cuneo venerdì 19 aprile, giorno inaugurale della rassegna.

Un appuntamento atteso e importante nel calendario degli eventi saluzzesi, che sa offrire la possibilità di ammirare opere d’arte in forme diverse , dalle tele, alle sculture, dalle fotografie alle incisioni.

Saluzzo Arte comprenderà naturalmente anche le opere presentate alla fase finale “Premio Matteo Olivero” per la pittura e per la grafica, giunto quest’anno alla sua XXXV edizione, un tradizionale appuntamento inserito all’interno della Rassegna e che da anni ormai rappresenta uno dei punti di forza della kermesse.

Ma non solo, se nel 2012 Saluzzo Arte ha ospitato, tra le altre, la mostra La natura silente. Da De Chirico a Gilardi, che  ha avuto il compito di sondare il misterioso mondo delle “nature immobili” attraverso le interpretazioni e le rappresentazioni creative offerte da artisti del Novecento e del mondo contemporaneo, per il 2013 si prospetta la presenza di un nome del panorama artistico italiano, conosciuto non solo per le sue doti pittoriche, ma anche per il suo impegno politico: Renato Guttuso.

La scelta è dovuta, oltre al grande valore del pittore italiano, anche alla recente ricorrenza del centenario della sua nascita. Nato a Bagheria il 26 dicembre del 1911, ma iscritto dal padre all’anagrafe di Palermo, il 2 gennaio 1912, il centenario del 2012 ha costituito e continua a costituire per musei, istituzioni, giornali, l’occasione per ricordare l’artista approfondendo gli aspetti della sua multiforme personalità. Sempre lo scorso anno ricorre il 25esimo anniversario della sua scomparsa: Saluzzo Arte 2013 vuole a maggior ragione rendere onore a questo grande artista contemporaneo.

Un’ampia rassegna, curata da Giuseppe Biasutti, come riconoscimento al massimo esponente del realismo sociale italiano. Renato Guttuso dopo aver compiuto gli studi classici, frequenta a Palermo lo studio del pittore futurista Pippo Rizzo. All’inizio degli anni Trenta vive tra la capitale, dove entra in contatto con i pittori della Scuola Romana, e Milano, dove espone alla Galleria del Milione e conosce Banfi, Birolli, Manzù, Persico e Sassu.

La sua reazione anti-novecentista si salda ad una coscienza antifascista. Nel 1938 entra a far parte del Gruppo di Corrente, il Movimento nato a Milano. Iscrittosi al partito comunista, nel 1943, partecipa attivamente alla Resistenza, a Roma. Nel dopoguerra aderisce al Fronte Nuovo delle Arti.

Riproponendo un’occasione che nel 2010 aveva portato a Saluzzo l’eco della grande mostra al Quirinale dedicata a Caravaggio, nell’ambito della Mostra Nazionale di Antiquariato, l’iniziativa dedicata a Guttuso nel 2013 riprende il filo della grande antologica inaugurata a Roma  dall’11 ottobre all’Altare della Patria, il  tempio laico, in opposizione alla Cupola vaticana, ideale per uno dei pittori più militanti e di valore, al contempo, del XX secolo. 

Rivivranno a Saluzzo i riflessi di Sicilia, che animarono tutta la storia pittorica di Guttuso (il celeberrimo dipinto che ritrae la Vucciria palermitana fu dipinto quando da oltre 40 anni Guttuso risiedeva a Roma), ma anche i suoi celeberrimi tetti e soprattutto la sua originale, incisiva ritrattistica, celebre per le immagini della moglie Mimise; dell’amante Marta Marzotto, talvolta “nascosta” in alcuni nudi; di Eugenio Montale nel 1938 e di Anna Magnani vent’anni dopo, ma struggente anche in molte immagini di gente comune, come nel caso del bellissimo nudo che Saluzzo ha ospitato nel 2012, all’interno della mostra De foemina.

Avversario degli astrattisti, modello dei realisti, Guttuso è stato a lungo “odiato o copiato”  –  come dice Crispolti  –  dai colleghi.  Tuttavia, la genialità dell’uomo fu capace di andare al di là delle classificazioni, come testimonia il rapporto con Schifano, immortalato un olio del 1966.

Nella capitale della bellezza in Provincia di Cuneo, l’accostamento tra il gotico fiammeggiante dell’antico marchesato e le tinte forti del pittore di Bagheria promette di regalare nuove, straordinarie emozioni e di accompagnare in un modo ad un tempo sontuoso ed educativo la grande kermesse dell’arte contemporanea: Saluzzo Arte 2013.

E così in mostra, nelle prime quattro sale, opere scelte di Renato Guttuso e degli amici del Gruppo di Corrente e del Fronte Nuovo delle Arti: Arnaldo Badodi, Renato Birolli, Bruno Cassinari, Carlo Levi, Giuseppe Migneco, Ennio Morlotti, Aligi Sassu, Ernesto Treccani, Emilio Vedova.

Scelte che sembrano confermare una soluzione di continuità tra tradizione ed innovazione, che si intrecciano prendendo forma, lungo il percorso di mostra, con gli spazi riservati ad artisti del panorama culturale regionale.

La Sezione Spazio Aperto ospita, nelle Sale della Guardia, le sculturediEnrico Challier: Foemina in arbore,proposto accanto ad uno dei protagonisti della “nuova scena” torinese, come Shinya Sakurai, un giovane artista emergente, presente con la serie: Shower of love.

Il grande Salone tematico ospita la collettiva: Le Signore del Tempo.

Nove donne che si raccontano in un singolare sincretismo descrivendo con la pittura, la scultura e l’installazione la loro personale percezione del tempo, filtrandolo attraverso le proprie esperienze, la propria filosofia di vita e la loro sensibilità: Liliana Cecchin, Cristina Costanzo, Cristina Iotti, Arianna Lion, Paola Rattazzi, Michela Riba, Mery Rigo, Elisabetta Trevisan, Roberta Ubaldi.

Continuando il percorso, nelle antiche scuderie, incontreremo le mostre personali dei vincitori della precedente edizione del Premio Olivero per la Pittura e per la Grafica: Alberto Storari e Pierpaolo Bisio e tutte le altre proposte. Artisti impegnati sul fronte della ricerca espressiva o che si ispirano alla tradizione figurativa, che si ritrovano per declinare un denominatore comune trattando la figura, il paesaggio o spingendosi anche verso nuove correnti artistiche: Carlo Cammarota, Salvatore De Donatis, Patrizia De Luca, Gianfranco Galizio, Theo Gallino, Fabrizio Gavatorta, Riccardo Giraudo, Ilaria Marino, Luca Mondelli, Fausto Nazer, Franco Negro, Daniela Olivieri, Vittorio Valente e l’Associazione Art en Ciel di Caraglio: Marco Alimone, Riccardo Balestra, Stefano Barale, Livio Brezzo, Lorenzo Caula, Cesare Isoardi, Fernanda Prudenzano.

Il percorso si concluderà, come di consueto, con l’esposizione delle opere ammesse alla XXXV Edizione del Premio Matteo Olivero.

Un evento che sarà accompagnato da un prestigioso catalogo di mostra, con testi di Giuseppe Biasutti, Paolo Infossi, Elena Piacentini, nella consueta veste grafica di Bosio.associati – Ed. L’Artistica, Savigliano.

La Mostra rimarrà aperta tutti i giorni con i seguenti orari:

Feriali: Giovedì e Venerdì: dalle ore 15,00 alle ore 19,00

Sabato: dalle ore 15,00 alle ore 22,30

Festivi:  Domenica e festività del 25 Aprile e 1° Maggio:  dalle ore 15,00 alle ore 19,00 

Si ricorda inoltre che, presentando alle biglietterie dei musei civici (Castiglia, Casa Cavassa, casa Pellico, Antico Palazzo con la pinacoteca M. Olivero e la Torre Civica) la contromarca dei biglietti d’ingresso alle mostre organizzate dalla Fondazione Bertoni, si ha diritto all’ingresso ridotto. Allo stesso modo, presentando il biglietto dei musei civici presso la biglietteria di Saluzzo Arte, si avrà l’ingresso ridotto alla Mostra.

Per info:

Fondazione Amleto Bertoni 0175-43527 mobile 346-9499587 info@fondazionebertoni.it

Coordinatore Artistico Paolo Infossi paoloinfossi@virgilio.it  mobile 349-1466050

Info:

Segreteria Fondazione Amleto Bertoni

Tel. (0175) 43527 – 346/9499587 Fax 0175.42427

Paolo Infossi 349-1466050

www.fondazionebertoni.it;info@fondazionebertoni.it;saluzzoarte@fondazionebertoni.it

In concomitanza con Saluzzo Arte, sarà visitabile anche la seguente mostra fotografica di Aniceto Antilopi:

IL BUIO SU MONTE SOLE – I LUOGHI DELL’ECCIDIO DI MARZABOTTO

La mostra è gratuita e seguirà gli orari di SALUZZO ARTE:

Giovedì e Venerdì: dalle ore 15,00 alle ore 19,00

Sabato: dalle ore 15,00 alle ore 22,30

Domenica e festività del 25 Aprile e 1° Maggio:  dalle ore 15,00 alle ore 19,00 

Inaugurazione: sabato 20 aprile ore 11

Sarà composta di 40 stampe in bianco e nero di dimensioni che vanno dal 25×35 al 30×40.




Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...